Home News La visione one cloud di VMware è un errore. Parola di Red Hat
La visione one cloud di VMware è un errore. Parola di Red Hat PDF Stampa E-mail
Lunedì 09 Febbraio 2015 14:00

La strategia VMware di un unico cloud per tutte le app e device, emersa dalle stesse parole del CEO Pat Gelsinger, sarebbe errata. Ad affermarlo è il Cloud Strategy General Mamager Bryan Che di Red Hat, che in un post apparso di recente sul blog dell’azienda ha aspramente criticato la concezione del cloud ibrido di VMware.La visione one cloud di VMware è un errore. Parola di Red Hat

Secondo Che, “la visione One Cloud di VMware, pensata per eseguire applicazioni tradizionali insieme a quelle cloud-native, per quanto possa essere affascinante, è in realtà errata, a causa dei differenti requisiti imfrastrutturali richiesti dalle due classi di workload. E tentando di miscelare questi due mondi, si rischia di pervenire a un modello One Cloud limitato, incapace di eseguire qualsiasi tipo di workload.”.

Il problema? La differenza fra VMware vSphere e OpenStack

Il punto della questione, secondo Che, è la piattaforma vSphere di VMware, che non rappresenta la scelta ideale su cui eseguire OpenStack. Come cloud software per l’infrastruttura IaaS, OpenStack garantisce l’accesso a un numero potenzialmente infinito di macchine virtuali, che possono scalare in alto e in basso velocemente, con le applicazioni in esecuzione, per offrire la continuità operativa in modo indipendente dai cloud server che vanno in down.

D’altra parte, vSphere limita il numero di VM e, per quanto VMware abbia aumentato questo limite di recente, in realtà questo fattore va contro la natura architetturale di OpenStack.

“Così”, conclude Che, “eseguendo OpenStack su vSphere limiti la capacità di OpenStack di eseguire le app cloud. Allo stesso tempo, OpenStack non è ottimizzato per eseguire i workload tradizionali, per cui ti ritroveresti a lavorare su un cloud capace di eseguire entrambi i carichi di lavoro, ma senza garantire un’esecuzione ottimale a nessuna tipologia di task.”.

La soluzione? Passare da VMware a Red Hat

La soluzione, ovviamente secondo Che, c’è ed è da ritrovare in Red Hat. Così Che fa riferimento all’open hybrid cloud di Red Hat, progettato per eseguire applicazioni tradizionali e cloud. I componenti di questa tipologia di cloud includono il Kernel Virtual Machine (KVM), Red Hat Enterprise Linux OpenStack Platform e diversi strumenti di gestione storage, middleware/PaaS. Inoltre, il cloud ibrido di Red Hat garantisce connessioni con il cloud pubblico dei partner che eseguono OpenStack.

VMware ha una forte esperienza nell’ambito della virtualizzazione e può vantare diversi casi d’uso di piattaforme cloud fornite sul medesimo software di gestione, anche grazie alle partnership come quella recente con Google. Questa capacità non metterà comunque il provider al riparo da critiche come queste mosse da Red Hat.

 

Tutorial

Vuoi approfondire degli argomenti specifici? Segui i miei tutorial, per dubbi o domande contattami.

Vai ai tutorial

Flickr

Guarda le mie foto su Flickr. Hai bisogno di foto particolari? Vuoi imparare a fotografare? Contattami
flickr_logo

Servizi Online

Vuoi predisporre il tuo sito web personalizzato? Hai bisogno di aiuto o consulenza?

Acquista i servizi online

Contattami

Per approfondimenti o informazioni su corsi di formazione o lavori contattami.

Richiedi uno scambio link con il mio sito.