Home News Il cloud privato non morirà. La ragione? Il controllo dei dati
Il cloud privato non morirà. La ragione? Il controllo dei dati PDF Stampa E-mail
Martedì 09 Giugno 2015 11:00

Il cloud privato non morirà. La ragione? Il controllo dei dati

Il cloud privato non sta morendo, tutt’altro. Secondo una recente ricerca di IDC il cloud privato continuerà a crescere, alla stessa stregua del cloud pubblico, per i prossimi 5 anni. In realtà i risultati ottenuti da questa analisi non sono del tutto inaspettati, dal momento che anche AWS sta lavorando ad uno dei più grandi cloud privati per la CIA.

Chi lavora nel settore IT aziendale sa benissimo che il cloud è in continua crescita in tutte le sue forme, sia esso cloud privato, pubblico o ibrido. Nell’ultimo periodo però alcuni esperti e analisti incentrano sempre più il loro dibattito sulla tipologia di cloud che credono sia la migliore in senso assoluto.

Secondo quanto sostenuto da Greg Knieriemen, HDS Technology Evangelist, non è possibile attualmente individuare una soluzione cloud che sia sempre valida per tutte le aziende. Qualora i CIO non mettano in pratica una buona strategia cloud, che sappia tener conto non soltanto delle esigenze IT aziendali ma anche di quelle di business, qualsiasi soluzione può essere destinata al fallimento.  Ogni azienda, infatti, è caratterizzata da differenti requisiti IT e, pertanto, non è possibile definire una soluzione unica per tutti. Mentre una tipologia di business ad esempio può avere bisogno di soluzioni scalabili che richiedono risorse IT elastiche, altri business possono avere la necessità di lavorare con un carico di lavoro fisso e prevedibile. Inoltre alcune aziende preferiscono esternalizzare la gestione della propria infrastruttura IT, mentre altre ritengono che la gestione interna conferisca più valore al proprio business. Per questi motivi non è possibile individuare una soluzione cloud di successo per tutte le aziende.

La sicurezza e la privacy incidono sulla scelta del cloud privato

Sebbene ogni organizzazione abbia delle esigenze specifiche in termini di gestione e sviluppo dell’infrastruttura IT, c’è un elemento comune che interessa tutte le aziende: il controllo sui dati. La scalabilità, l’elasticità e la velocità di implementazione sono tutte caratteristiche fondamentali del cloud computing, eppure la maggior parte dei CIO focalizza la propria attenzione esclusivamente sulla sicurezza e la privacy dei dati. Secondo una recente indagine del The Economist, l’87% degli intervistati ha confermato che il proprio team di gestione è fortemente preoccupato riguardo la sicurezza e la riservatezza dei dati. È per questa ragione che spesso le imprese preferiscono affidarsi a soluzioni di cloud privato, che quindi continua a crescere allo stesso ritmo del cloud pubblico.

L’adozione del cloud privato non significa necessariamente che le imprese debbano acquistare, costruire e gestire una propria infrastruttura. Sono tante le aziende, infatti, che scelgono servizi di cloud privato in hosting, ossia si affidano a strutture private che vengono però gestite nella sede di terzi.

Un recente rapporto 451 Research ha confermato che il cloud privato in hosting ha rappresentato il 25% del budget per le spese off-premise ed è in crescita del 29% negli ultimi due anni. Il cloud pubblico invece ha rappresentato il 17% del budget ed è in crescita del 18% negli ultimi due anni.

Il cloud privato non sta affatto morendo, ma allo stato attuale non si può neppure affermare sia migliore del cloud pubblico. Sia il cloud privato sia quello pubblico hanno entrambe delle forti prospettive di crescita per i prossimi anni.

 

Tutorial

Vuoi approfondire degli argomenti specifici? Segui i miei tutorial, per dubbi o domande contattami.

Vai ai tutorial

Flickr

Guarda le mie foto su Flickr. Hai bisogno di foto particolari? Vuoi imparare a fotografare? Contattami
flickr_logo

Servizi Online

Vuoi predisporre il tuo sito web personalizzato? Hai bisogno di aiuto o consulenza?

Acquista i servizi online

Contattami

Per approfondimenti o informazioni su corsi di formazione o lavori contattami.

Richiedi uno scambio link con il mio sito.