Home News I vantaggi dei dischi SSD sui server VPS di 1&1
I vantaggi dei dischi SSD sui server VPS di 1&1 PDF Stampa E-mail
Martedì 17 Febbraio 2015 14:00

Hard disk tradizionale o  drive SSD? Il dubbio è a volte amletico e, fra detrattori e sostenitori, i vantaggi della tecnologia SSD non sempre sono chiari ai più. In quest’articolo tratteremo i vantaggi della soluzione SSD, nel contesto specifico della scelta di un server virtuale (VPS).  Questa mancanza di chiarezza è nota a provider come 1&1 Internet, che scelgono di offrire e dunque sostenere la tecnologia SSD perché consci dei miglioramenti in termini di IOPS per tutti i tipi di utenti, inclusi i possessori di un server virtuale. Non è un caso che tutte le offerte VPS a listino 1&1 siano dotate di un disco SSD in modalità SSD-caching, in quanto l’obiettivo è proprio quello di fornire al cliente il massimo delle performance che si possano ottenere dalle attuali tecnologie di storage.

In realtà, i vantaggi che i dischi SSD sui server VPS possono offrire sono molteplici: alcuni derivano dalle migliorate performance, altri dall’avanzata tecnologia costruttiva.

Dischi SSD VPS: le performance

Se provider come 1&1 decidono di inserire a listino server VPS con SSD-Caching ci sarà sicuramente un motivo. Uno di questi è dato dalle performance di cui questi dispositivi di memorizzazionesono capaci.

Infatti, se fra dischi SATA e SAS non esistono dubbi sulla tipologia migliore in termini di performance, durabilità e affidabilità, paragonare i drive SSD con i dischi meccanici è, a volte, più complicato. La tecnologia NAND Flash su cui si basano i dischi SSD è completamente di tipo elettronico, mentre hard disk tradizionali lavorano secondo principi elettromagnetici, con testine poste su bracci che si muovo su dischi rotanti.

Questa differenza è talmente sostanziale da  impattare sulle performance e sull’affidabilità del dispositivo di memorizzazione. Appositi studi condotti da Dell comprovano che la velocità di accesso ai dati in un disco SSD è almeno due volte superiore al medesimo parametro riscontrabile in un disco tradizionale di classe enterprise, quando entrambi vengono sottoposti a un carico di trasferimento oneroso.

Allo stesso tempo, un disco SSD sembra essere capace di superare le performance in throughput di ben 3 dischi meccanici configurati secondo lo standard RAID-0.

A tutto questo, si aggiunge il fatto che nei dischi SSD le operazioni di lettura e scrittura dati avvengono simultaneamente, aumentando ancora di più le performance generali.

Un semplice test sui dischi SSD 1&1

In pratica, già questi riferimenti sarebbero sufficienti per capire come un medesimo server VPS dotato di un drive SSD garantisca delle performance in accesso e throughput migliori rispetto a qualsiasi configurazione ottenibile con i dischi meccanici tradizionali.

Questa differenza si può notare anche con un semplice test effettuato su due diversi server messi a disposizione dal medesimo provider 1&1.

Per quanto i più esperti sostengano che il dd test non sia il più adatto a capire le performance del disco in un ambiente server Linux (per problemi dovuti alla dimensione dei dati scritti, al periodo di esecuzione, al fatto che non vi sia un test di lettura e che il test di scrittura venga effettuato in modalità single-threaded e sequenziale), in realtà può comunque offrire una primissima stima di come il disco si comporta sottoposto a un certo carico di scrittura.

Senza scomodare test più importanti e, per alcuni utenti, anche più complicati (che, a onor del vero, sarebbero in grado di offrire un valore IOPS di lettura e scrittura in modalità multi-threads più affidabile della semplice stima basata sul numero di MB scritti in un secondo), eseguendo dalla console di Linux un test del tipo:

dd if=/dev/zero of=test bs=64k count=16k conv=fdatasync

su due server 1&1 di cui il primo senza SSD caching e il secondo dotato di disco SSD, si ottengono i risultati mostrati nelle figure che seguono.

I vantaggi dei dischi SSD sui server VPS di 1&1

Come si può notare, il semplice test indica una differenza di performance in scrittura che è quasi 4 volte superiore per il server VPS 1&1 con SSD caching rispetto al server 1&1 con disco tradizionale.

I vantaggi derivanti dalle performance dei dischi SSD per VPS

Le migliori performance dei dischi SSD associati ai VPS di 1&1 apportano benefici di non poco conto, schematizzabili come segue.

Migliore esperienza utente

I tempi di accesso più veloci dei dischi SSD garantiscono caricamenti delle pagine Web ancora più scattanti. Infatti, la velocità con cui un server è capace di accedere, leggere e fornire file ai Web server è cruciale per determinate la capacità del sito Web di offrire un’esperienza utente eccellente, evitando le frustrazioni derivanti dalle elaborazioni lente. Tutto questo è particolarmente vero per tutti i siti che vengono creati a partire da un CMS come WordPress, Drupal, Joomla, Magento e Prestashop. Queste piattaforme dinamiche mostrano le pagine ai visitatori costurendole al volo sulla base della richiesta Web, attraverso una combinazione di elaborazione del codice PHP e delle query MySQL. Esistono diversi modi per ottimizzare questo tipo di applicazioni dinamiche, ma i tempi di accesso ai dati sono in gran parte dipendenti dalla velocità dei supporti storage. L’uso dei dischi SSD anche per il solo caching permette di elaborare le pagine molto più rapidamente, con un conseguente miglioramento delle prestazioni percepibili dall’utente

Maggiore opportunità di conversione

Una migliore esperienza utente significa l’essere sicuri che il visitatore rimanga soddisfatto della velocità con cui ha avuto modo di accedere alle informazioni di cui necessitava nel momento stesso in cui ne aveva bisogno. Questo produce un senso di appagamento nel visitatore che ne garantisce un ritorno sulle pagine. Alcuni studi dimostrano che performance migliori corrispondono a bounce rate più bassi e, nei siti di e-commerce, a conversioni più elevate. La stessa Amazon aveva dimostrato che aumentare i tempi di caricamento delle pagine prodotto di 0.1 secondi, significava perdere circa l’1 percento delle vendite online.

Migliore posizionamento SEO

Da che mondo è mondo, Google predilige i siti veloci e che hanno tempi di caricamento inferiori ai 3 secondi, migliorandone così il posizionamento nei risultati delle ricerche. La velocità di risposta di un sito, essendo un fattore fondamentale per l’esperienza utente, ha grande peso nell’algoritmo con cui Google e altri motori di ricerca calcolano il rank delle pagine.

Drive SSD VPS: l’affidabilità e il risparmio energetico

Come già detto in apertura, altri vantaggi derivano proprio dalle proprietà costruttive dei dischi SSD. Come accennato, tutti i dischi basati su NAND Flash memorizzano i dati in modo elettronico. Questa caratteristica determina l’assenza di piatti e bracci mobili che aumentano il rischio di rottura a causa delle vibrazioni meccaniche che si generano nei dischi tradizionali. Senza vibrazioni, i dischi SSD risultano più affidabili e, inoltre, operano a temperature di esercizio molto più basse rispetto ai drive meccanici, aumentando così il ciclo di vita dello storage stesso.

La migliore affidabilità dei dischi SSD deriva anche dal fatto che a fine vita, questa tipologia di supporti non consente l’ulteriore memorizzazione dei dati, ma preserva un accesso alle informazioni già immagazzinate. Al contrario, un discho meccanico a rischio rottura può rendere impossibile l’accesso ai dati già memorizzati, a meno di non ricorrere a operazioni e centri specialistici.

Inoltre, la tecnologia TRIM implementata nei dischi SSD da qualche tempo a questa parte permette di limitare se non eliminare il degrado delle performance del disco all’aumentare dei cicli di lettura e scrittura.

Infine, un altro vantaggio che può godere chi si affida a un VPS 1&1 con dischi SSD è il rispetto per l’ambiente, ossia un minor impatto sulle risorse disponibili, con consumi elettrici inferiori fino all’80 percento in meno per GB rispetto a un disco tradizionale e una richiesta di raffreddamento davvero limitata dalla bassa temperatura di esercizio dei drive SSD.

In conclusione…

Affidarsi a un server VPS 1&1 con dischi SSD significa poter usufruire di vantaggi prestazionali di non poco conto, capaci di impattare sul successo e la raggiungibilità dei contenuti di un sito ospitato sul server. L’affidabilità e il risparmio energetico, poi, sono fattori di non poco conto non solo per lo staff IT, ma anche per il provider che fornisce il server.

 

 

5 caratteristiche da considerare quando acquisti un VPS

Questo articolo è offerto da 1&1 Internet, provider di servizi di web hosting che offre server virtuali con elevati standard di sicurezza situati in data center europei ad alte prestazioni. L’offerta VPS di 1&1 garantisce affidabilità e performance grazie a data center ridondanti e a componenti hardware all’avanguardia.
Con oltre 70.000 server ad alto rendimento e circa 19 milioni di domini registrati, 1&1 Internet, fondata nel 1988, è uno dei principali provider di web hosting a livello mondiale e presenta una gamma di prodotti che va dai server dedicati, virtuali e cloud alle soluzioni di web hosting, dagli strumenti di CMS per la creazione di siti web fino alle e-mail e alla registrazione di domini.

 

Tutorial

Vuoi approfondire degli argomenti specifici? Segui i miei tutorial, per dubbi o domande contattami.

Vai ai tutorial

Flickr

Guarda le mie foto su Flickr. Hai bisogno di foto particolari? Vuoi imparare a fotografare? Contattami
flickr_logo

Servizi Online

Vuoi predisporre il tuo sito web personalizzato? Hai bisogno di aiuto o consulenza?

Acquista i servizi online

Contattami

Per approfondimenti o informazioni su corsi di formazione o lavori contattami.

Richiedi uno scambio link con il mio sito.