Home News 20 trucchi per l’ottimizzazione SEO di un sito – II parte
20 trucchi per l’ottimizzazione SEO di un sito – II parte PDF Stampa E-mail
Venerdì 27 Febbraio 2015 16:00

Una volta acquistato l’hosting più adatto alle proprie esigenze, ad esempio scegliendolo fra la varietà di piani proposti da Aruba, bisogna creare il sito e, ovviamente ottimizzarlo dal punto di vista SEO. Le ragioni per cui l’ottimizzazione SEO sia necessaria sono già state spiegate nel corso del precedente appuntamento, suggerendo anche i primi dieci trucchi utilizzati dai professionisti dell’indicizzazione, per garantire un livello di visibilità importante del sito e migliorare così il posizionamento delle pagine sui motori di ricerca.20 trucchi per l'ottimizzazione SEO di un sito - II parte

Il buon posizionamento, infatti, è la via per ottenere la giusta raggiungibilità e visibilità, raccogliendo traffico che può in parte tramutarsi in un’opportunità business di successo.

A tutto questo mirano i consigli SEO già evidenziati e gli altri dieci trucchi di ottimizzazione SEO che seguono.

Buona lettura!

Undicesimo trucco per l’ottimizzazione SEO: usare l’internal linking

La pratica di internal linking è fondamentale dal punto di vista SEO, anche se non è sempre recepita e applicata correttamente. Prima di tutto, bisogna capire che l’internal linking è utile a collegare fra loro le pagine interne del sito per acquisire autorità e, soprattutto, per aiutare le pagine con minor ranking a salire nella SERP, sostenute dal miglior posizionamento di altri contenuti. Inoltre, l’internal linking aiuta a disseminare le informazioni lungo l’intero sito, a dare maggiori spunti di approfondimento agli utenti e a offrire una coerenza di trattazione. Infine, l’internal linking garantisce un maggior valore del sito rispetto alle keyword con cui si vuole posizionare il sito Web.

Dodicesimo trucco per l’ottimizzazione SEO: non abusare con la link building

Fra chi dice di non concentrarsi sulla link building e chi, al contrario, la giudica un’ottima strategia SEO, la posizione corretta da mantenere è sempre quella intermedia. La link building, per chi non lo sapesse, è l’attività con cui si tenta di ottenere il maggior numero di link in ingresso da parte dei siti con una buona reputazione e con un’alta visibilità e traffico.

Il consiglio SEO ideale per applicare la link building è quello di mantenere sempre un atteggiamento di non esagerazione. In pratica, la link building va condotta in modo assennato e sensato, senza forzare l’uso dei link anche in contesti in cui non hanno significato e mantenendo, quindi, la maggiore naturalità possibile. Inoltre, l’obiettivo non è tanto la raccolta di link, quanto la qualità del contenuto offerto ai lettori, da cui deriverà automaticamente un’attività di link building naturale. Lo stesso ragionamento deve essere applicato anche alle pratiche di guest posting.

Tredicesimo trucco per l’ottimizzazione SEO: ricorrere ai social media

I social media sono un aiuto SEO non indifferente! Per quanto molti professionisti non credano nelle piattaforme social per ottenere la visibilità SEO desiderata, c’è da convincersi che l’uso di Facebook, Twitter, Google+, ma anche LinkedIn negli opportuni contesti (senza contare i social basati sulle immagini come Instagram o Pinterest) sono un aiuto non indifferente nel posizionamento. Inoltre, i social network coadiuvano l’interazione con la community, l’incoraggiamento dei brand ambassador naturali e l’individuazione delle critiche e delle criticità. Tutto questo fermento, oltre alla grande concentrazione di utenti che i social garantiscono, sono vantaggi SEO di non poco conto.

Quattordicesimo trucco per l’ottimizzazione SEO: adoperare le long tail keyword

Nel corso del precedente appuntamento, si è parlato dell’importanza delle parole chiave e delle loro densità nei contenuti. In realtà, c’è un altro metodo di ottimizzazione SEO che prevede l’uso della frasi chiave o long tail keyword. Una strategia SEO focalizzata sulle frasi chiave, permette di raggiungere rapidamente un alto rank in nicchie di ricerca dove la competizione è minore. In questo modo, si assecondano anche le ricerche naturali degli utenti Web, che sono sempre propensi a usare il linguaggio naturale sui motore di ricerca, utilizzando intere frasi colloquiali contenenti le parole chiave e non i singoli termini.

Adoperando le long tail keyword, si rendono le pagine Web raggiungibili da una miriade di utenti, migliorando così la visibilità e il traffico.

Quindicesimo trucco per l’ottimizzazione SEO: creare le categorie

Non creare le categorie per i contenuti è un errore davvero gravissimo dal punto di vista SEO. Infatti, le categorie contribuiscono a produrre una struttura visibile dell’intero sito Web, in modo da semplificare anche la catalogazione e il posizionamento da parte degli algoritmi dei motori di ricerca. Inoltre, l’uso delle categorie rende il sito più user-friendly per i visitatori, in modo che sia il più semplice possibile da navigare. Ogni categoria deve poi contenere diverse sottocategorie, in modo da migliorare l’ottimizzazione SEO.

Sedicesimo trucco per l’ottimizzazione SEO: usare la sitemap

Una volta migliorata la struttura del sito, è di fondamentale importanza l’uso delle sitemap. I motori di ricerca valutano le sitemap (o tabelle dei contenuti) per verificare quali contenuti sono disponibili online per la navigazione degli utenti. A volte, le sitemap sono anche visibili e cliccabili dai visitatori in formato HTML e possono aiutare a individuare con più celerità i contenuti di interesse. Al contrario, una sitemap in formato XML è specificamente progettata per i motori di ricerca, ai quali server per migliorare l’indicizzazione della struttura del sito.

Diciassettesimo trucco per l’ottimizzazione SEO: aggiornare con frequenza

Da questo trucco in poi, seguono tutti i consigli che non sono obbligatori e necessari, ma, se applicati, aiutano notevolmente l’indicizzazione del sito. Il primo di questi consigli riguarda la frequenza di aggiornamento. Un sito mantenuto in modo costante e rinnovato di continuo nei contenuti è un sito che rinnova la sua indicizzazione, migliorandola giorno dopo giorno. Ovviamente, la necessità di un aggiornamento frequente non deve scadere nella scarsa qualità dei contenuti o, ancora peggio, nel copia e incolla all’impazzata, solo per avere una maggiore quantità di articoli e mostrare così una maggiore frequenza di aggiornamento.

Infine, c’è da notare che la frequenza deve essere il più costante possibile, per mostrare anche la volontà di mantenere vivo il sito, anche dopo la pubblicazione online.

Diciottesimo trucco per l’ottimizzazione SEO: dialogare con i lettori

Come già indicato nel suggerimento relativo all’uso dei social network, costruire una community e coccolarla è di fondamentale importanza anche ai fini SEO. Non solo. È importante imparare a chiedere ai lettori cosa desidererebbero trovare sulle pagine del sito (anche attraverso delle apposite survey), cercando di coinvolgerli nell’attività di mantenimento delle pagine. Un altro aspetto di fondamentale importanza ai fini SEO è l’interazione. Quando si redigono i contenuti come quelli di un blog, è di fondamentale importanza cercare di inserire delle call-to-action, come ad esempio l’invito a esprimere cosa i lettori pensano attraverso la sezione dei commenti.  Maggiori saranno i commenti di buona qualità, migliore sarà anche il posizionamento nei motori di ricerca.

Diciannovesimo trucco per l’ottimizzazione SEO: evitare lo spam

Sempre a proposito di commenti, a volte c’è l’abitudine a invogliare i lettori a commentare anche attraverso pratiche non proprio consone, come ad esempio l’inserimento del primo commento oppure, nei thread già infuocati, scrivendo direttamente alcuni interventi pensati appositamente per accendere ancora più gli animi.

Sono pratiche non proprio ideali e, soprattutto, se diventano necessarie, vanno eseguite con estrema moderazione.

Il consiglio è di evitare quindi le tecniche di trolling o spamming e lo spam va evitato anche se la strategia SEO presume l’uso di apposite newsletter.

Ventesimo trucco per l’ottimizzazione SEO: diversificare

Infine, la chiave del successo SEO è la diversificazione, dove con questo termine non si intende trattare una babele di argomenti poco connessi fra loro. Una volta scelta la tematica, è importante mantenere la linea editoriale intrapresa. In questo senso, diversificare significa rendersi unici rispetto a ciò che propone la concorrenza nella stessa nicchia di riferimento. Pubblicare e mantenere un sito o, ancora di più, un blog non è mai una pratica dal rapido esito positivo, ma richiede comunque fatica, sforzi, sacrifici e ingegno per consentire, con il tempo, il raggiungimento del successo, a cui si giunge anche con una corretta ottimizzazione SEO.

 

ArubaQuesto articolo è offerto da Aruba.it. Aruba gestisce una propria rete di Data Center a livello Europeo ed è leader nell’erogazione di servizi di hosting condiviso in Italia con oltre 1 milione di clienti attivi. L’offerta di hosting condiviso include diverse soluzioni per il singolo professionista o l’azienda, verifica la migliore per te.  Aruba S.p.A., fondata nel 1994, è la prima società in Italia per i servizi di web hosting, e-mail, PEC e registrazione domini, la società gestisce oltre 2 milioni di clienti. In aggiunta ai servizi di web hosting, Aruba fornisce anche tutti una serie di servizi come server dedicati, housing e colocation o servizi managed. Aruba propone anche tutte le soluzioni nell’ambito dell’e-Security, come la firma digitale, la PEC e la conservazione sostitutiva.

 

Tutorial

Vuoi approfondire degli argomenti specifici? Segui i miei tutorial, per dubbi o domande contattami.

Vai ai tutorial

Flickr

Guarda le mie foto su Flickr. Hai bisogno di foto particolari? Vuoi imparare a fotografare? Contattami
flickr_logo

Servizi Online

Vuoi predisporre il tuo sito web personalizzato? Hai bisogno di aiuto o consulenza?

Acquista i servizi online

Contattami

Per approfondimenti o informazioni su corsi di formazione o lavori contattami.

Richiedi uno scambio link con il mio sito.